IniziazioneStoriaCastrojeriz

Considerato uno dei monumenti di interesse storico nel Camino de Santiago, si trova il bellissimo villaggio di Castrojeriz. La sua ricca storia può richiedere fino considerazione come Castro dei Visigoti, o forse, anche, forte romano, (dicono che è stata fondata da Giulio Cesare), nel cui castello è stato sviluppato importanti battaglie tra cristiani e mori.

Si trova a ovest e l'estremità occidentale di Burgos, al confine con la provincia di Palencia, 16 km. della N-620 Burgos-Valladolid, a 11 km da Burgos e Leon de, che, in qualche modo, vuol dire essere in una località della provincia di Burgos strada con poca influenza della logistica, che può essere visto chiaramente nella negligenza e trascuratezza sulle loro strade e le autostrade.

Nell'anno 882 un capitano Foramontanos, Nuno Nunez, ripopolato il vecchio villaggio distrutto dagli arabi. Nel 974 fu il primo dei privilegi castigliano dal conte Garcia Fernandez e Alfonso VII nel 1131 potrebbe annessione alla corona di Castiglia.

La sua città vecchia, situata nel versante medio-inferiore, costituisce uno dei più lunghi percorsi urbani con la quale il Camino de Santiago dispone di circa un miglio di lunghezza. In un momento in pose monumentali chiese, tre conventi, ospedali (era fino a sette), pensioni, locande e negozi più importanti, in cui abbondanti vivande portato da oltreoceano.

Ecco come uno dei momenti più splendidi della sua storia, emersa con l'avvento del Camino de Santiago. Nel Medioevo Castrojeriz diventa una strada persone con una lunga corsa ai piedi del castello da cui si possono vedere più di comuni limitrofi come Hontanas, Villasilos, Villaveta, Villasandino, Castrillo de Murcia, Castrillo Matajudíos, Hinestrosa o Pedrosa del Príncipe.

Oggi è un censimento di 1.105 persone, sebbene, come nella maggior parte dei nostri villaggi castigliano, la loro popolazione aumenta in modo significativo in estate e riduce, purtroppo, apparentemente con i rigori dell'inverno.

Il suo centro storico ha blasonate case come la Casa del Cordón o il Palazzo del-Gutiérrez Varona, un esempio di un palazzo rinascimentale. Possiede anche alcune case che ricordano l'architettura tradizionale del luogo, tra cui l'ex sinagoga (ora Inn on Cantina) and molte case di pietra e fango o adobe, come il Museo Etnografico, con un'azienda vinicola interessante, implements fattoria e machines.

Mentre ci avviciniamo al paese, Hontanas due chilometri provenienti da, abbiamo trovato i resti del vecchio convento e ospedale di S. Antonio, con i suoi archi a sesto acuto che attraversano la strada da un lato all'altro. Questo importante monastero e ospedale era un luogo di grande interesse, molto frequentata dai pellegrini, come è stato il luogo dove, secondo la tradizione, incendi o mal guarito San Anton.

Nel cosiddetto "quartiere" della Chiesa Collegiata di Santa Maria del Manzano, impressionante questo tempio è stato costruito tra il IX e il XIII secolo, all'interno del quale è memorizzato patrono Castrojeriz, la Virgen del Manzano, bella scultura policroma gotica in pietra che è stata cantata da Alfonso X il Saggio di uno dei miracoli della Cantigas. Ha anche due altari separati di stile barocco-rococò, con un pellegrino di Santiago e alcuni dipinti di Mengs.

Proseguendo il percorso si possono trovare sulla sinistra, il convento di San Francisco, che purtroppo sono solo alcune arcate del piede.

Passando ora al centro storico, tra le chiese che sono ancora in piedi si trova la chiesa parrocchiale di Santo Domingo, nel XVI e XVII, che conserva all'interno un interessante museo parrocchiale con pezzi di gioielli e ornamenti, sculture e un pregevole Biblioteca arazzi del XIV secolo appartenente alla cerchia di Rubens noto come " Arti Liberali".

Plaza Mayor, che appare in uno dei suoi lati porticati, rilevando, in una delle sue estremità, il Consiglio con la torre dell'orologio curioso. Nella antica chiesa di San Esteban sono solo alcuni resti delle quali di recente costruito un nuovo centro di accoglienza per i pellegrini.

Verso la fine del paese e lungo il percorso longitudinale della strada principale, troviamo la chiesa-fortezza di San Juan Bautista, design gotico, costruito tra i secoli XIII e XVI, che ha uno splendido chiostro gotico con un bel mudéjar .

Tra gli altri monumenti che si tenga Castrojeriz, possiamo anche citare il monastero di Santa Clara, fondato da Alfonso X il Saggio, che ha una chiesa gotica del XIV secolo e alcune tabelle barocco. Oggi è abitato dalle Clarisse, i cui compiti, oltre alla mistica, mette in evidenza il compito interessante della vita solo un piccolo assaggio con deliziosi dolci e torte.

Video rilasciato dalla Camino